Pantaleo Ingusci
Canti fra le sbarre

pp. 112
12
978-88-8234-185-5
2014

Tutta la casa sottosopra: i quadri
sono rimossi, Matteotti tolto
dalla cornice e sequestrato (io credo
che atterrisca anche morto la sbirraglia),
Mazzini viene messo sotto inchiesta;
financo Garibaldi posto in mora
per i capelli e la camicia rossa.
Libri, quaderni, carte, a foglio a foglio,
scrutati, esaminati, spolverati...
Dovunque conciliaboli di sbirri
tra i pacchi di giornali, tra i cassetti
in disordine... Io fermo, in piedi, zitto,
quasi assente dinanzi a quel trambusto.
Assente? No, mi inganno: io scruto, io penso.
Penso ad Arrigo Heine, ai doganieri,
quasi cento anni fa, che lo frugavano:
La merce che cercate nel cervello!