Andreas Pastellás
I poeti non possono tacere

pp. 160
18
978-88-8234-187-9
2014

Una volta questo posto odorava di gelsomino
fiorivano graziosi pensieri nei vasi di menta e basilico.
Era bella allora la nostra patria
ancor più bella delle sue spiagge e montagne.
Andavano al centro della terra le radici del vecchio platano
dove chiara sgorgava l’acqua della vita.
Con le bici andavamo da un paese all’altro
affondando nella terra battuta delle strade
si viaggiava in un continente vergine
si attraversava una galleria di gioia
con le scarpe impolverate calpestando
la santoreggia e il rosmarino...

da Una volta questo posto odorava di gelsomino