Simona Morando
Il sogno di Chirone

pp. 208
17
978-88-8234-171-8
2012

L’undicesimo volume della Biblioteca barocca affronta un affascinante tema che non è di esclusiva pertinenza iconografica. Il rapporto tra achille e il centauro Chirone, infatti, messo in luce già dalle fonti classiche e poi da una sterminata iconografia sia antica che moderna, fonda un modello di interpretazione del dialogo tra il principe e il mondo delle lettere e delle scienze. Simona Morando passa in rassegna la difficile riproposizione di questo dialogo per varie corti secentesche, fino a constatare il ritiro del letterato che – alla stregua del vecchio centauro nel suo antro boschivo – amministra la severa disciplina delle lettere e la difesa della bellezza poetica.