Fawzi Mellah
Il conclave delle prefiche
traduzione e prefazione di Anna Maria Mangia
pp. 156
13
978-88-8234-088-9

In una città a sud del Mediterraneo, alcune prefiche professioniste sono convocate un giorno per piangere un caro scomparso.
Ma le lacrime non sgorgano!
I consueti elogi funebri non vengono fuori!
A poco a poco, le prefiche si mettono a raccontare, non la
storia del defunto, ma –scandalo!- quella del quartiere…
Quella della città…
Forse addirittura quella del paese…
Aggiungete che la città stessa è in preda ad alcune voci e inchieste su certi stupri…e… Sono allora gli ultimi trent’anni che scorrono sotto la penna cattiva e ironica di Mellah. La falsa indipendenza…la falsa liberazione…la modernità estroversa…
Le alienazioni…
Il vero fondo culturale è scomparso…
Nulla lo ha realmente sostituito…
E’ questo vuoto che crea inquietudine…
E’ su questo vuoto che Mellah scrive…