Benito Perez Galdos
L'ombra
a cura di Augusto Guarino
pp. 108
8
978-88-8621-136-9

L’ombra, forse il primo romanzo scritto da Benito Pérez Galdòs (Las Palmas, 1843-Madrid, 1920) è la storia di un’ossessione. Una misteriosa presenza, un’ombra, materializzatasi poi sotto le sembianze di un bellissimo giovane, ha sconvolto la vita di Anselmo, facendolo sprofondare nel baratro della follia. Il tema dell’apparizione ossessiva, del “doppio”, sviluppato da autori come Poe, Maupassant, Dostoevskij, serve a Galdòs per una resa dei conti con due miti della tradizione ispanica, quello di don Chisciotte e quello di don Giovanni, attraverso i quali pone il problema dell’identità dell’individuo nella società contemporanea.