Preç Zogaj
La donna di tutti
traduzioine di Eugenio Scalambrino
pp. 100
8
978-88-8234-098-8

Seguendo le arcaiche consuetudini dei matrimoni combinati dalle famiglie, in un remoto villaggio d’Albania, Marta, una donna di conturbante bellezza, finisce con lo sposare Paolo, un ometto insignificante, considerato da tutti come uno zimbello. La donna diviene pertanto il tema ossessivo di una comunità che la vede preda designata di tutti i bellimbusti del villaggio e favoleggia di sfrenate avventure e figli naturali frutto degli amori clandestini con colei che nell’immaginario maschile era la donna di tutti. Schiacciato da un allucinante clima calunnioso, il debole Paolo abbandona per sempre la propria famiglia, e così la donna, che nelle fantasie erotiche maschili era stata di tutti, rimane da sola ad affrontare un ambiente malevolo e ostile. In questo “racconto lungo”, grazie a una tecnica narrativa assai raffinata, Prec Zogaj affresca con singolare efficacia una storia dal fascino straordinario e, al tempo stesso, la complessa realtà psicologica di una società sul crinale della propria storia.