Sabri Godo
Alì Pascià di Tepelena
traduzione di Eugenio Scalambrino
pp. 452
16
978-88-8621-127-7

Un grande affresco storico su Alì Pascià che, negli anni a cavallo tra Settecento e Ottocento, inseguì l’utopia dell’indipendenza nel tentativo di costituire uno stato autonomo. Sullo sfondo del Mediterraneo e dei Balcani percorsi da flotte francesi, inglesi, russe e turche, l’Autore disegna la solitudine tragica del personaggio: dall’ambiente familiare torbido e ambiguo, al brigantaggio, fino all’uso spregiudicato del potere; una lotta disperata e senza quartiere fra il ribelle e il sultano; fino alla metaforica disfatta.